Pavimentazione in wpc, massima resa e costi contenuti

pavimento legno polimeri

Oggi vediamo tutti i pro e contro della pavimentazione in wpc, un materiale innovativo ideale per gli esterni che, almeno a prima vista, sembra avere una lunga sequela di vantaggi e ben pochi, o nessun, difetto. Questo materiale, infatti, a grandi linee, è molto simile al legno, quindi ne ha la medesima presenza estetica, ma con la resistenza di un materiale plastico, quindi sicuramente questo è un vantaggio che va considerato su tutti.

In summa, queste doghe in legno per esterni hanno prezzi contenuti e alte prestazioni, vediamo i dettagli.

Pavimentazione in wpc, conosciamola meglio

Questo tipo di pavimentazione non è ancora conosciuto da tutti, del resto ci sono diversi materiali a disposizione di chi voglia rinnovare la pavimentazione, tuttavia, quando si hanno dei paletti, come per esempio un budget non illimitato o una casa da pavimentare in determinate condizioni atmosferiche dove dunque occorra un pavimento che sia anche resistente, allora il campo di scelta si può restringere di molto.

Il wpc è un materiale che per esteso si chiama wood plastic composite, legno composto, e da qui si inizia a intuire il tipo di materiale di cui stiamo parlando. Infatti, si tratta di una mescola di fibre naturali del legno con polimeri che mediante un processo di estrusione a caldo, consentono di ottenere questo materiale.

Mediante questo processo di lavorazione si possono ottenere listoni e pannelli del tutto simili al legno, ma con una resistenza decisamente superiore. I listelli o i pannelli possono essere anche a incastro, facilitando così il lavoro di messa in posa.

I vantaggi di questo materiale

pavimenti-wpc2Abbiamo già iniziato a vedere quali siano i vantaggi del wpc, e primo tra tutti, appunto, la resistenza. A questo punto molti staranno pensando che però, sarà simile al legno esteticamente, ma le sensazioni che da il legno sono uniche. Certo, il legno è legno, è inimitabile, tuttavia il wpc, poiché contiene fibre del legno, è molto piacevole anche al tatto, quindi fa piacere camminarci sopra e in più si ha il vantaggio che non ci si fa male come per esempio può accadere quando si cammina scalzi su una passerella di legno e si può restare feriti da qualche scheggia.

Il wpc non si degrada alle intemperie, non si scheggia, non si gonfia con l’acqua e non si deforma. Inoltre è resistente ai graffi, non viene intaccato dai tarli e resiste perfino alle sollecitazioni di tipo meccanico. Non ultimo, resiste ai raggi UV, quindi se si decide di utilizzarlo come pavimentazione esterna per la casa al mare non si dovranno più fare i conti con quel brutto effetto sbiadito. Poca manutenzione e minori spese.

Uno sguardo all’ambiente

Infine, caratteristica non da poco: il wpc è a basso impatto ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *